Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)French (Fr)

Formazione Tutori Civici Volontari

Aiutaci anche tu

  • Fondazione Museke
  • Associazione Meseke
News
Rwanda - Dio è qui PDF Stampa E-mail

In Rwanda, nel cuore del continente africano, dal 6 aprile alla metà di luglio del 1994 ebbe luogo il genocidio più rapido e sistematico di cui l’umanità si è macchiata. In soli 100 giorni vennero massacrate circa 1.000.000 di persone.

In occasione del ventennale di questo sanguinoso e tragico evento Fondazione Museke e Associazione Amare Onlus, con il patrocinio del Comune di Brescia e della Tenda della Solidarietà tra i Popoli 2015, promuovono un avvincente spettacolo-inchiesta: Rwanda-Dio è qui.

I due giovani interpreti, Marco Cortesi e Mara Moschini, tra i più stimati protagonisti della nuova generazione di teatro civile e narrazione, portano in scena un’imperdibile storia di dignità ed eroismo che vide protagonisti un uomo ed una donna uniti da un’unica missione: fare la cosa giusta. Tramite questo racconto, realizzato attraverso un sapiente lavoro giornalistico e di ricerca storica, MC - Teatro Civile desidera fornirci gli strumenti per riflettere sugli eventi più salienti del nostro passato al fine di comprendere il presente e la direzione che stiamo dando al nostro futuro e lo fa con tutta l’emozione ed il coinvolgimento che solo l’arte scenica sa creare.

Sabato 14 febbraio 2015 alle ore 18 Rwanda-Dio è qui arriverà a Brescia presso la chiesa di San Cristo, in via Giovanni Piamarta 9. Una testimonianza di coraggio e fratellanza in grado di scuotere le coscienze e non lasciare spazio ad alcuna indifferenza.

Ingresso gratuito. Per ulteriori informazioni: www.marco-cortesi.com

Le immagini della serata disponibili nella sezione Foto Gallery & Video

 
Ti racconto...IL MONDO PDF Stampa E-mail

 

 

La Cooperativa Sociale K-PAX e Fondazione Museke Onlus in collaborazione con l'Oratorio dei Santi Faustino e Giovita presentano un ciclo di spettacoli ed incontri dedicati ai bambini che si terranno dal 17 gennaio al 18 aprile 2015 presso il teatro dell'oratorio e che avranno come tema saliente l'educazione all'interculturalità.

Agli spettacoli teatrali si alterneranno incontri durante i quali i giovanissimi partecipanti verranno coinvolti attivamente partecipando alla drammatizzazione, muovendosi e cantando insieme ai conduttori. Si mira così a promuovere l'ascolto reciproco, anche e soprattutto nei confronti di chi è "diverso", e a diffondere nuovi saperi interculturali.

Il primo appuntamento sarà sabato 17 gennaio alle ore 16.30: "Sotto la tenda ti racconto il mio Marocco" di e con Abderrhaim El Hadiri, regia Mario Cumina, Cicogne Teatro. Affascinante viaggio immaginario intrapreso dall'attore italo-marocchino che attraversa città, montagne e deserti portandoci alla conoscenza dei tuareg, dei nomadi e di personaggi magici tramite un dialogo recitato e condiviso con il gruppo ospite.

Ad esso seguirà sabato 21 febbraio "Il castello senza ombra", una fiaba serba di Marija Markovic che sarà accompagnata da un musicista rom kossovaro, sabato 14 marzo "Fiabe dall'Africa", che coinvolgerà alcuni richiedenti asilo politico di origine africana, e infine sabato 18 aprile "I tre fratelli litigiosi", una fiaba pakistana di Alina Sajid, Maryam Arshad e Usman Aftab a cui prenderanno parte alcuni richiedenti asilo provenienti dal Pakistan. Tutti gli incontri sono previsti per le ore 16.30 e l'ingresso è libero.

Vi aspettiamo numerosi!

 

Per info: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. (www.k-pax.eu)

 
Progetto A.R.A.: i primi passi di un lungo cammino PDF Stampa E-mail

Il progetto per l’accoglienza e l’accompagnamento dei richiedenti asilo, partito a settembre di quest’anno, prosegue con il massimo impegno su due linee principali d’intervento. Da un lato si favorisce l’inserimento sul territorio degli otto ospiti africani attraverso una serie di attività come il corso di alfabetizzazione. Dall’altro si è proceduto alla realizzazione per ogni e di una cartella individuale contenente i risultati degli esami medici sostenuti e tutte le informazioni richieste dalla Questura: i dati anagrafici e familiari, la storia personale, scolastica e lavorativa, gli spostamenti precedenti l’arrivo in Italia, la motivazione della fuga dal Paese natale. Tali dati sono raccolti con il supporto di un mediatore culturale e uno legale sottoforma di narrazioni e sono fondamentali per presentarsi alla Commissione territoriale per i Richiedenti Protezione Internazionale, che valuterà se i giovani stranieri possiedono i requisiti necessari ad ottenere tale status.

Questo lavoro complesso ma gratificante si scontra con alcune criticità esterne: da un lato la burocrazia istituzionale, che sta causando forti ritardi nel saldo del contributo ministeriale; dall’altro la data di riunione della Commissione per i Richiedenti Asilo della Lombardia, prevista per gennaio 2016. Stante queste tempistiche, che impongono alla nostra fondazione di riflettere su una progettualità che sia sostenibile ed efficace nel lungo periodo, qualche speranza è data dall’ipotesi che nasca a Brescia una nuova Commissione per la Lombardia orientale, ribadita dal nuovo Questore Carmine Esposito, che il 3 dicembre ha incontrato i referenti degli enti ospitanti. La commissione dovrebbe essere operativa all’inizio del 2015.

Nel frattempo è opportuno lavorare sulle resistenze all’integrazione degli stranieri da parte del contesto sociale locale, operando con estrema trasparenza e favorendo la diffusione di informazioni puntuali sugli obiettivi e le modalità di questo intervento. L’intento di Fondazione Museke è di favorirel’integrazione di questi giovani individui nella comunità bresciana e, così facendo, contribuire per quanto possibile a diffondere un atteggiamento di maggiore ascolto ed accoglienza nei confronti del “diverso da noi”, ostacolato nella quotidianità dalla crisi che stiamo attraversando.

 
L'ATS Kiremba riunita per lanciare il nuovo progetto a favore dell'ospedale PDF Stampa E-mail

Villa Fenaroli Palace Hotel, sabato 15 novembre 2014

Alla vigilia dell'avvio del progetto Terimbere Kiremba, fissato per gennaio 2015, l'ATS Kiremba ha organizzato e promosso una cena di gala per raccogliere fondi in favore di questa ambiziosa iniziativa.

L'evento, generosamente sostenuto dal Banco di Brescia, ha suscitato la risposta entusiasta di molti, che hanno partecipato con attenzione e sensibilità alla serata. Apertasi con un breve resoconto storico delle vicende che hanno visto protagonisti Kiremba ed il suo ospedale, essa è proseguita con una presentazione degli enti partner (Diocesi di Brescia, Fondazione Poliambulanza, Fondazione Museke, Medicus Mundi Italia, Suore Ancelle della Carità e As.Co.M) accompagnata da una dettagliata descrizione dei passi che nell'arco di due anni accompagneranno la struttura sanitaria verso una reale ed effettiva autonomia.

Particolarmente significativo ed anche emozionante è stato il momento della visione del videomessaggio che, direttamente dal Burundi, ha permesso al pubblico presente in sala di conoscere il rappresentante dell'ATS Kiremba in loco, Francesco Perini, e l'Ancella Suor Stefania Rossi.

La cena, allietata da note jazz, si è conclusa con un brindisi e l'invito a partecipare attivamente al progetto Terimbere Kiremba al fine di realizzare un vero e sostanziale cambiamento.

 

Per maggiori informazioni visita la pagina facebook dell'ATS Kiremba.

 

Il comitato organizzativo della cena

 
Diritti umani, si riparte da qui PDF Stampa E-mail

Manuale diritti umani

L'impegno di Museke a favore del sostegno alla formazione dei giovani, tradottosi in passato nell’erogazione di alcune borse di studio, trova quest’anno un nuovo sbocco: la pubblicazione di un manuale-sussidio dedicato ai Diritti umani e sviluppo dei popoli, rivolto agli studenti adolescenti, ai loro docenti ed educatori.

L’iniziativa, propostaci dalla Fondazione Tovini, ha incontrato l’entusiasmo, oltre che di Museke, anche della Fondazione SIPEC e della Fondazione ASM, e si è tradotta in una proficua sinergia, sempre più apprezzata e riconosciuta nel nostro settore.

Il volume è frutto della collaborazione di un gruppo di studio, guidato dal Prof. Giuseppe Mari e composto da figure di diverse professionalità, che a titolo gratuito hanno sviluppato le tante tematiche legate ai diritti umani, intesi come reciprocità di diritti e doveri, come assunzione di responsabilità di ciascun cittadino quale contributo individuale al percorso di sviluppo dei popoli.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 7 di 10

Fondazione Museke Onlus Via F.lli Lombardi 2 25121 Brescia Tel +39 030 2807724 fax +39 030 2898392 C.F. 98148960176
mail: info@fondazionemuseke.org

Fondazione Museke