Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)French (Fr)

Contributi 2020: il nuovo bando

Toi Aussi Tu Peux Aider

  • Fondazione Museke
  • Associazione Meseke
News
Di terre e d'azzurro PDF Imprimer Envoyer
There are no translations available.

Finalmente è arrivato il momento di parlarne!

E' dal mese di aprile che Fondazione Museke è impegnata, tra le diverse iniziative, su un progetto di inclusione e sensibilizzazione relativa ai Minori Stranieri Non Accompagnati.

Lo facciamo molto ben accompagnati dall'Assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Brescia, dalle Cooperative Tempo Libero, Il Calabrone, L'Alternativa, Il Solco, La Vela, dall'associazione Dormitorio San Vincenzo de Paoli, dal Forum Provinciale del Terzo Settore di Brescia, da Fondazione Pinac e con il sostegno di Congrega della Carità Apostolica, Fondazione ASM, Fondazione della Comunità BrescianaFondazione Cogeme.

Il forte partenariato che si è creato ci ha consentito di presentare una proposta progettuale con richiesta di contributo sul bando "Never Alone" promosso, tra gli altri, anche da Fondazione Cariplo.

Nell'attesa di conoscere l'esito della seconda ed ultima fase di selezione, cominciamo la nostra azione di sensibilizzazione sponsorizzando l'articolata iniziativa Di terre e d'azzurro (clicca qui per aprire la locandina) in programma dal 10 al 13 novembre presso il Centro culturale Il Chiostro, sito in contrada San Giovanni 8 a Brescia.

La rotta è segnata e non possiamo che intraprendere questo viaggio INSIEME, grazie anche ai disegni di Sheradzade: una dei 5000 bambini che sono stati costretti a vivere nel campo profughi di Idomeni.

Perché il tema delle migrazioni rimane di estrema attualità, perché gli occhi dei bambini riportino la nostra attenzione a quei dettagli che danno senso alle nostre vite ed al nostro vivere pacificamente insieme.

VI ASPETTIAMO!


 
Stanziata la prima tranche dei contributi 2016 PDF Imprimer Envoyer
There are no translations available.

Il Comitato Direttivo di Fondazione Museke, riunitosi il 4 luglio scorso, ha preso in esame le richieste di contributo ricevute. Sulla base dei criteri di valutazione pubblicati, ha approvato 8 domande su 10 per un totale di 49.542 Euro. La prima tranche è già stata erogata mentre la seconda sarà erogata a consuntivo, previa approvazione di regolare rendicontazione. La lista completa dei progetti è consultabile a questo link.

La prossima scadenza per la presentazione di richieste di cofinanziamento è fissata al 31 ottobre 2016.

 
Cours de formation à la Coopération Internationale - Deuxième Edition PDF Imprimer Envoyer

En Septembre va commencer la deuxième édition du Cours de formation à la Coopération Internationale organisé par Fondazione Museke en collaboration avec Fondazione Tovini et Associazione Chizzolini. Le cours de 12 leçons (voir le programme à ce lien) va terminer par un stage dans un Pays à Ressources Limitées encore à definir. Les inscriptions sont ouvertes jusqu'au 15 Septembre en envoyant la fiche d'inscription.

 

 
Terimbere Kiremba: les premiers résultats du projet PDF Imprimer Envoyer

Il y a une année, à mars, notre représentant Gigi Aziani est arrivé à Kiremba. Il écrit dans son rapport que c’a été « Un an pour connaître, chercher de comprendre et accompagner. Il a été essentiel entamer des relations avec les personnes en prenant partie aux divers Conseils, en écoutant et en intervenant avec des observations si nécessaires, mais sans jamais se substituer aux collègues qui sont appelés à assumer la responsabilité de leur propres décisions ».

De notre point de vue il a été une période de collaboration intense qui nous a permis de rester proche à l’hôpital et aux patients malgré le contexte dramatique du pays.  La crise politique engendrée par le troisième mandat du Président Nkurunziza persiste aussi après la récente visite du Secrétaire Général de l’ONU Ban Ki-moon et celle d’une mission de l’Union Africaine conduite par le Président ougandais Museveni.

Dans l’espoir de lire bientôt des nouvelles positives, le projet Terimbere poursuit ses actions. Les premiers résultats visibles sont les améliorations apportées à la structure de l’hôpital: l'achèvement et la restructuration du mur d’enceinte ; l’installation de nouveaux robinets et lavabos extérieurs pour améliorer l’hygiène dans les services et faciliter les parents qui s’occupent des malades ; l’ouverture d’une nouvelle rampe d’accès à la morgue ; la construction d’une salle services pour les gardes qui garantissent la sécurité de l’hôpital. Toutes ces œuvres ont été financées avec le cofinancement de la CEI (Conférence Episcopale Italienne), l’engagement de l’hôpital et des bienfaiteurs privés liés à l’ATS.

La composante principale du projet, celle qu’on espère laissera l’empreinte plus significative et durable, est la formation du personnel. Formation sanitaire et humaine, puisque les compétences, même si indispensables, doivent être accompagnées par une majeure attention à l’hygiène, un soin plus attentif des patients, le respect des règles de l’hôpital et la création d’un esprit d’équipe qui aujourd’hui est très pauvre. Tout ça sera réalisé grâce à l’envoi sur place d’un Coordinateur sanitaire, qui est en train d’être sélectionné et qui organisera le programme de formation de tout le personnel, des travailleurs aux infirmiers, aux médecins.

Lire la suite...
 
Progetto A.R.A. Il lungo percorso dei richiedenti asilo ed il turn over PDF Imprimer Envoyer
There are no translations available.

Gli otto ragazzi del gruppo iniziale di richiedenti asilo affidati dalla Prefettura a Fondazione Museke nel settembre 2014, sono stati accompagnati dinnanzi alla Commissione Territoriale ed ognuno di loro ne ha ricevuto l’esito.
Ousman, David, Kolly, Emmanuel, Augustine e Omar sono usciti da “Casa Museke”: chi è entrato nel circuito SPRAR (Sistema di Protezione Richiedenti Asilo e Rifugiati) perché beneficiario di protezione internazionale, chi si è allontanato volontariamente per raggiungere amici e realizzare un diverso percorso di vita. Solo Karim e Santus del gruppo iniziale sono ancora ospiti della nostra struttura a Castenedolo e sono attualmente in fase di ricorso, a seguito di un iniziale diniego di qualsiasi istituto di protezione internazionale.

Si riassume con questi dati l’esperienza dei primi otto ospiti:
- un asilo politico
- una protezione sussidiaria
- due protezioni umanitarie
- quattro dinieghi.

Può essere utile ricordare cosa significhino nello specifico.
Con il riconoscimento dello status di rifugiato, si ottiene un permesso di soggiorno di 5 anni (rinnovabile) ed un documento di viaggio.
Con la protezione sussidiaria, si ottiene un permesso di soggiorno di 5 anni (rinnovabile solo a seguito di una nuova valutazione) ed un titolo di viaggio.
Con i suddetti riconoscimenti si ha diritto di: accesso al lavoro; ricongiungimento familiare; assistenza sanitaria; documento o titolo di viaggio; istruzione pubblica; libero movimento all'interno dell'Unione Europea per un periodo 
massimo di 3 mesi; ottenere la cittadinanza italiana dopo 5 o 10 anni (a seconda dello status riconosciuto) di residenza continuativa in Italia; beneficiare dell'assistenza sociale, inclusa la possibilità di accesso agli alloggi pubblici; conseguire la patente di guida; per chi ha ottenuto lo status di rifugiato è possibile anche chiedere l'estensione dello status
di rifugiato ai figli minori e sposarsi in Italia chiedendo il nullaosta all'UNHCR.
In caso di protezione umanitaria, si ottiene un permesso di soggiorno con validità massima di due anni (rinnovabile solo a seguito di una nuova valutazione). Tale documento dà diritto di accesso al lavoro, alla cittadinanza italiana dopo dieci anni di residenza in Italia, all’assistenza sanitaria, al rilascio del titolo di viaggio per stranieri.
Per chi riceve un diniego come esito della Commissione Territoriale, l’unica possibilità per rimanere legalmente sul territorio italiano è intraprendere l’iter del ricorso in Tribunale. Se anche questo avesse esito negativo, il richiedente è obbligato a lasciare la struttura di accoglienza.
A reintegrare i sei ragazzi usciti da “Casa Museke” del progetto A.R.A. sono arrivati Mahamed e Ismail dalla Somalia; Tamba, Hassan e Amadou dal Senegal e Ahmed dal Bangladesh.

 
<< Début < Précédent 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Suivant > Fin >>

Page 10 sur 15

Fondazione Museke Onlus Via F.lli Lombardi 2 25121 Brescia Tel +39 030 2807724 C.F. 98148960176
mail: info@fondazionemuseke.org

Fondazione Museke